El sinter per le cave

 

Il comune di Albiano si trova nel territorio dell’Ecomuseo Argentario, che abbraccia l’ampio Altipiano del Monte Calisio comprendendo anche i comuni di Civezzano, Fornace e Trento con le due circoscrizioni Argentario e Meano.

 
L’ecomuseo è un’istituzione (un’Associazione di promozione sociale) che si occupa della tutela, del recupero e della valorizzazione del patrimonio storico-culturale e naturalistico di un territorio, coinvolgendo le comunità locali in un processo di riscoperta della memoria collettiva finalizzato allo sviluppo sostenibile.
Per raggiungere questi obiettivi l’Ecomuseo Argentario promuove quindi la ricerca storico-scientifica, l’attività didattica ed escursionistica, la realizzazione di itinerari tematici, la valorizzazione dell’ambiente naturale, delle tradizioni e delle realtà culturali, economiche e turistiche locali. 
Il territorio dell’Ecomuseo è infatti fortemente caratterizzato dallo sfruttamento delle sue risorse geologiche. Sul versante sud-occidentale del Monte Calisio sono presenti numerose cave di Rosso Ammonitico, calcare giurassico chiamato anche “Pietra di Trento” per il suo largo utilizzo nell’edilizia cittadina fin dall’Età romana. Nel Medioevo l’area centrale dell’Altipiano, caratterizzata da depositi sedimentari triassici, è stata interessata da un’importante attività mineraria per l’estrazione della galena da cui si ricavava l’argento per la zecca di Trento: per questo motivo il Calisio ha preso il nome di Mons Argentarius. Il settore nord-occidentale di cui fa parte Albiano, che custodisce le rocce più antiche dell’Ecomuseo (risalenti al Permiano), ha attirato l’attenzione dei cavatori solo in tempi più recenti. Solo con le moderne tecniche di scavo è infatti possibile estrarre grandi quantità della roccia estremamente dura che caratterizza questo territorio: il porfido.
 

Il Comune di Albiano, in collaborazione con Museo Casa Porfido, E.S.PO. (Ente Sviluppo Porfido), Consorzio Miglioramento Fondiario, Sezione Cacciatori di Albiano, Sezione SAT di Albiano, So.ge.ca (Società Gestione Cave), Fondazione il Porfido: Oggi e Domani, ha sposato il progetto dell’Ecomuseo Argentario creando questo percorso e una pubblicazione disponibile presso il Museo Casa Porfido. 

 
L’obiettivo è far conoscere agli abitanti e ai visitatori esterni i diversi aspetti dell’ambiente, della storia e delle tradizioni locali, ciascuno dei quali si intreccia necessariamente con l’attività estrattiva. Il quadro che ne deriva è quello di un mondo in cui il porfido fa da sfondo a una storia umana complessa e a tratti critica, tutt’ora in continua evoluzione.
 
Il percorso è cofinanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto nell'ambito del progetto Sottosopra! L'incidenza dell'attività mineraria contemporanea sul territorio trentino.
 
 
Documenti:

Schede ITA-DEU-ENG