Gli impianti sul Rio Gambìs

La concessione per lo sfruttamento industriale per l’estrazione di fluorite dal monte Prestavèl  fu rilasciata il 6 marzo 1935 alla società Atesina per l’Esplorazione Mineraria alla quale subentrò, dal mese di marzo 1941, la società Montecatini.
 
Fino alla fine degli anni Cinquanta del secolo scorso la produzione avveniva nella valle del rio Gambìs e non superava mediamente le 30 tonnellate al giorno. In miniera e nell’impianto di arricchimento lavoravano poche decine fra minatori, operai e tecnici residenti quasi tutti a Varena. Il materiale estratto dalla miniera veniva portato a valle con una teleferica che collegava la miniera con l’impianto di lavorazione sito in località Miniera, lungo la strada che da Cavalese porta al passo di Lavazè.
 
La fluorite veniva separata dalle rocce nelle quali si trova in natura mediante un sistema gravimetrico che richiedeva l'uso di modeste quantità di acqua e permetteva di ottenere un prodotto puro al 60 per cento che veniva utilizzato come fluidificante delle scorie fuse nell’industria siderurgica. Il minerale commercialmente utile veniva trasportato con autocarri fino a Cavalese, dove veniva caricato sui vagoni della Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme. Gli scarti della lavorazione venivano facilmente smaltiti sotto forma di ghiaia.
 
Altri documenti e riferimenti:
 
Memorie di Paolo Defrancesco di Panchià, minatore dal  1953 al 1956 a Prestavèl
 
Mappa di miniera della Società Fluormine con pianta e prospetto delle gallerie. Nella parte bassa della pianta sono ancora visibili gli imbocchi occidentali che uscivano sulla Valle del Rio Gambìs. In particolare presso quello di quota 1787 (in colore rosa) è ancora riportata la stazione di carico della teleferica rimasta in funzione fino al 1961.
 
Archivio fotografico "Lombardia beni culturali" dove sono catalogate 20 fotografie con soggetto "Prestavel"
 
Archivio multimediale della Fondazione Stava 1985 Onlus
 
 

Fonti:

Stava | Tesero: la ricostruzione e la memoria (1985-2010) - Capitolo "L'attività mineraria in Val di Stava" curato da Graziano Lucchi

Varena "Villa di Fiemme" di Letizia Gianmoena Monti

Archivio provinciale - Provincia Autonoma di Trento