Il filone di fluorite

Il giacimento di Prestavèl si trova al limite settentrionale della provincia di Trento a pochi chilometri dal confine con la provincia di Bolzano, a nord della Val di Fiemme, sul versante orientale della valle che da Cavalese (q. 1000) sale al passo di Lavazè (q. 1805).
 
Il giacimento si sviluppa sulle pendici occidentali e meridionali del monte omonimo tra quota 1900 e quota 1500, nei territori comunali di Varena e di Tesero.
 
Dista da Cavalese, capoluogo della Val di Fiemme, circa 5 km e da Bolzano 32 [...]
 
Il filone, individuato in corrispondenza degli affioramenti dei porfidi quarziferi, è l'unica mineralizzazione importante che si rinviene nella zona. Gli affioramenti del filone di Prestavel [...]
 
Gli affioramenti del filone di Prestavel, riconoscibili sul terreno, si possono osservare sul versante occidentale e meridionale del monte omonimo su una distanza di circa 1200 metri.
 
Gli affioramenti della zona nord del filone si trovano a una quota più elevata, intorno ai 1900 metri, mentre l'affioramento più meridionale si trova a quota 1600 circa.
 
 
La fluorite
Formula chimica: CaF2 .  Densità: 3,1÷3,3. Durezza: 4 (scala di Mohs). Cristallizzazione: sistema cubico.
 
La fluorite è uno dei più diffusi minerali che entrano a costituire la ganga dei filoni idrotermali metalliferi. Ha origine da soluzione ad alta o media termalità. È minerale accessorio in cavità di molte rocce acide o intermedie intrusive, effusive e scistoso-cristalline. Può anche avere origine sedimentaria, probabilmente per deposizione, in bacini chiusi, da acque ricche di soluzioni termo-minerali di origine vulcanica.
 
La fluorite è utilizzata principalmente nell'industria metallurgica per ottenere scorie facilmente fusibili; per la purificazione della grafite contenente silice; per la preparazione di alcuni tipi di vetri; per ottenere clinker di cemento facilmente macinabile; per la preparazione dell'acido fluoridrico da cui si estrae poi il fluoro ecc. È indispensabile nell'industria ceramica, in quella ottica, (con un titolo non inferiore al 95%) per la fabbricazione di particolari lenti e prismi, nell’industria plastica e nel trattamento metallurgico della bauxite. I cristalli più puri e trasparenti sono utilizzati per la costruzione di lenti acromatiche e per prismi per spettrografia. Il minerale di particolare pregio è utilizzato per la produzione di oggetti ornamentali.
 
La produzione mondiale di fluorite è di circa 600.000 tonnellate annue, delle quali il 55% spetta alla Germania, seguita dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna. L'Italia, negli anni '60 e '70 del secolo scorso, ne ha prodotto poco meno di 100.000 tonnellate annue.
 
 

Fonti:

"Miniera di Prestavel" - Angelo Morra e Luciano Vighi - inserito nel volume "L'industria mineraria nel Trentino - Alto Adige" a cura di G. Perna 

Stava | Tesero: la ricostruzione e la memoria (1985-2010) - Capitolo "L'attività mineraria in Val di Stava" curato da Graziano Lucchi