Le trasformazioni del presente (2012-2014)

Di fronte a un paesaggio fisico, economico  e sociale completamente “sottosopra”, trasformato – siti minerari in montagna abbandonati, stabilimenti a fondovalle diventati reperti di archeologia industriale e pronti per essere abbattuti; un tessuto economico in profonda mutazione - nasce nel 2009 un Comitato spontaneo tra cittadini, associazioni (Pro Loco, Gruppo Alpini, A.S.U.C. Darzo) e rappresentanti delle istituzioni locali che lancia una sfida.

Possono le miniere trasformarsi da semplice quanto importante ricordo a veicolo di sviluppo per la zona?

La comunità ci vuole credere e nel corso di un percorso di progettazione partecipata che ha come tema "Un museo delle miniere? Dove, come, perché?" viene fondata nel 2011 l'Associazione di promozione sociale La Miniera con l'obiettivo precipuo di recuperare e salvaguardare la storia e la memoria dell'epopea della barite, cercando di combinare  finalità culturali con fattori di promozione economica e sociale.
 
“Se uno ricorda da solo è solo un ricordo. Se molti ricordano insieme è l’inizio di una nuova comunità”.
 
Questo il motto fatto proprio dalla Associazione La Miniera nel condurre le varie iniziative e progetti di recupero e riconversione. Basati su consapevolezza, partecipazione e condivisione con la comunità e sull’apertura a collaborazioni con realtà ed esperienze simili di altri luoghi e paesi.
 
La miniera la conosco come le mie tasche ogni buco e ancora adesso ogni tanto mi chiamano per andare su a Marigole a fare qualcosa. Mi fa una certa impressione tornare su anche se sono passati solo quattro anni da quando hanno chiuso, ne sento la mancanza.
(testimonianza di Fabiano Zanetti, minatore)
 
Ho terminato di lavorare tra il 1964 e il 1965 perché avevano chiuso la miniera di Val Cornèra e non avevano più bisogno di cernitrici. Mi ricordo le feste di Santa Barbara l'aspettavamo tutto l'anno perché il sabato si lavorava sempre e non c'erano molte occasioni di svago. Io tornerei ancora se fossi giovane anche se il lavoro era pesante perché ho proprio un bel ricordo di quegli anni sarà perché ho incontrato anche mio marito oppure perché ero giovane, però sono stata fortunata e la Maffei ha significato tanto per noi.
(testimonianza di Speranza Marini, cernitrice)
 
 
Riferimenti
Le testimonianze sono estratte da Ritratti di miniera: progetto di raccolta di memorie orali di ex lavoratori e lavoratrici e imprenditori delle miniere di Darzo.
www.minieredarzo.it/it/ritratti-di-miniera/ 
 
 
DOCUMENTI
Immagini dalle iniziative di questi anni organizzate dalla Associazione di promozione sociale La Miniera presso gli ex siti di miniera di barite a Darzo per rivivere il passato con le eredità del presente e per progettare un nuovo avvenire.