Albergo Stava

Ubicazione

Tesero, frazione Stava, via Stava 98; versante sinistro del rio Stava, in p.ed.629, a mattina della vicchia strada Tesero-Pampeago.


Notizie storiche

Nel  1769 è attestata l’esistenza di una cascina, che nel 1858 era intestata agli eredi del fo Nicolò Doliana “Tonàcio” di Tesero.

Nel 1882 l’immobile apparteneva ai comproprietari Francesco Doliana fu Nicolò e Valentino Bozzetta

Nel 1896 era una locanda. Appartenente a Pietro Doliana fu francesco.

Nel 1903 l’edificio prese il nome di Albergo Alpino, che nel 1907 venne ingrandito.

Durante la Grande Guerra, nel 1915, fu denominato Albergo Stava (Gasthof Stave)

Nel 1933 venne ristrutturato e il fienile lì accanto fu trasformato in una casetta. Nel 1956 l’albergo passò in proprietà a Colomba Doliana Deflorian e nel 1982 venne rimodernato.

              

Descrizione

L’albergo Stava era di terza categoria; alto quattro piani, aveva 22 camere per complessivi 44 posti letto. Accanto all’edificio vi era il campo da bocce e la casa dei proprietari.

L’albergo era in attività soprattutto durante l’estate, gestito dai proprietari con cinque dipendenti, ma il bar era aperto tutto l’anno e assai frequentato dai Teserani.

 

Documenti:


Fonti: Achille Deflorian, Vigilio Fanton, Romano Poier, tutti di Tesero;

documenti dell’Archivio Comunale di Tesero e Libro Fondiario di Cavalese.

Scheda curata da Loris Barbolini, Silvano Longo e Roberto Monsorno della classe II/C dell’anno scol. 1985/86; scritta al computer da Stefania Paluselli e Beatrice Trettel della classe Il/A dell’anno scol. 1994/95.